Il ricordo quasi appassisce
L’efebica bellezza di quegli stucchi
Che increspature nascondevano nel cuore
La loro cecità vanno sfumando.
Rovine
Solo rovine e pioppi
Archi e cipressi, colonne e ulivi selvatici.
Romantico quel coacervo di rumori distrutti
Straziati dal grido del vento/tra le nicchie dove riposa il
ricordo
In simulacro perfetto.
Inganna corpo anima
e mente allo sguardo quel distratto declivio che teatro una
volta
gridava in coro diatribe mormoranti.
Giacendo come palude affamata
Su mari di prede
Le fondazioni
Lacrime versarono silenti
Che Atlanti vollero supportare
– Come del cielo il reame –
il sorriso beffardo dell’adunatore di nembi e tempeste.
In marmo e calcare
Lasciare firme e macchie di sangue
per realtà
Ingoiate dalle polveri.
Fagocitate dalle nubi.
Agognate ormai dal volo di un corvo
Che la luce rinnega
nel suo inconscio sognatore.


0 Responses to “Damnatio memoriae”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Twitter

Flag Counter

World visitors

Map

Translate

My latest book: click and get it now

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 561 follower


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: