Impietosamente manifesto
Quel mio volerti uccidere
E tra le braccia stringere i tuoi seni
Come macabro trofeo
Di un’inebriante follia traversa.

E sotto ipnosi osservo il Saturno di Goya.

Scacco matto contro il mio avversario
Solo, costringe il fato a stendersi a terra
Mentre preferisco pedinare l’ombra
D’un clown in preda ad una crisi di nervi
Nel quadro storto in cui mi hai dipinto
Tratti orsono, due lune più in là.

Sono un sorriso enigmatico,
L’affilata lama di Giuditta,
Uno, nessuno, Golconda.

Scrivo
Perché è un patto di sangue a legarmi a te.

[Perché la poesia è una scure sopra la testa]

^|\^\|^
Temo i tuoi artigli come amica
Quando con un Bacio avveleni il mio animo.

Sospiro escatologico.

Scrivo
Perché ogni mia parola
È una lametta che fatica ad uscire dalla gola.

Un mare in tempesta
Nulla all’orizzonte
tranne La zattera della Medusa…


0 Responses to “Della zattera del Géricault al tramonto”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...




Twitter

Flag Counter

World visitors

Map

Translate

My latest book: click and get it now

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 561 follower


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: