Una goccia scarlatta
Dalle mie labbra
Sgorga lent-issim-amente.
Di nero mi vesto
Ogni notte per confondermi
Sono l’acqua
Dello stagno
Gremita di
Torbide ninfee
E l’affannoso
Respiro del vento
Nelle fredde praterie
Sconfinate
-di lapidi
-Orfane d’edere
-Malate di polvere
-Velenose di Presenze.
La tua collana
Brilla nell’oscurità
E volando
La tua aura
Mi pietrifica.
[Fluttuante
luce pura
d’antica
polvere di
stelle.]
Potrei divorarti
Con brutale
Ghigno
Ma la tua spada
Dritta si erge
Sul mio petto.
I tuoi sguardi la mia pelle
Feriscono di schegge
Notturne.
Non puoi uccidermi
Oh Dea
Unisciti a me
E saremo
Tenebre
e Luce.


0 Responses to “Di Notte Quando Osservo i Miei Fiori del Male”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...




Twitter

Flag Counter

World visitors

Map

Translate

My latest book: click and get it now

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 561 follower


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: