Sa di pesca e gelsomino

La brezza che sfiora il languore d’un bacio;

Di cenere ch’ammaliata,

Rimane patina sul petalo d’una ginestra

Quando l’alba si veste,

Come un pagliaccio,

Dei colori del quarzo.

Vorrei sentire frusciare il tuo vestito

Di canapa, tra le spighe di grano

E di nuovo

Raccontarti di come le cicogne

Dialogano con le ali.

Quel mutismo ch’attanaglia

Chi più ha da esprimere

nel momento in cui lo si deve.

Una gimcana tra fulmini

In acque livide di veleno

per snidarti, come l’ape regina,

Con dolciastri profumi.

Un impasse logico:

Quando il cuore comanda

non più binario è guida

per la mia corsa.


0 Responses to “L’Abbrivio”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Flag Counter

World visitors

Map

Translate

My latest book: click and get it now

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 561 follower


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: